Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, ACRAF S.p.A. utilizza dei cookie. ACRAF S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

L'esperto risponde

Dermatologia

Sebbene non sia più adolescente, nell’ultimo periodo soffro di acne, come mai?

Attualmente si assiste a una crescita di acne tardiva. Al di là degli squilibri ormonali che si nascondono dietro queste forme e sulle quali ruota gran parte delle analisi e delle terapie dermatologiche, fra i principali fattori  scatenanti risultano anche i cosmetici. Spesso, infatti, la detersione aggressiva del viso o una cosmesi inadeguata (cosmetici a base grassa, eccessi) o adottata con poca igiene contribuiscono a determinare problemi dermatologici. L’acne cosmetica è una forma moderata ma persistente che può svilupparsi su tutto il corpo ma prevale su viso, collo e cuoio capelluto. Si manifesta con micro papule che rendono la pelle ruvida al tatto; a volte possono esserci papule, pustole o comedoni. A causa dell’accumulo del cosmetico nel follicolo, lo sbocco follicolare si chiude. Questo comporta uno sviluppo eccessivo di sebo e lo scatenamento dell’infiammazione. Per una diagnosi accurata, le consiglio di prenotare una visita dermatologica con un esperto.