Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, ACRAF S.p.A. utilizza dei cookie. ACRAF S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

L'esperto risponde

Ginecologia

Dopo il parto il desiderio e la funzione sessuale femminili subiscono delle variazioni?

Dopo la gravidanza il desiderio diminuisce per un periodo va da 1 mese a... 1 anno, senza che vi sia niente di anormale in tutto questo.

Il calo del desiderio da parte della donna dopo il parto non deve essere interpretato come un segnale di perduta sintonia di coppia. Si tratta di un passaggio fisiologico, che dipende da molti aspetti: una concentrazione molto bassa di estrogeni associato all’aumento del tasso di prolattina, l'ormone dell'allattamento,  contribuiscono a diminuire la libido; la fatica delle notti in bianco, della gravidanza e del parto; la depressione post-partum; lo stress delle nuove responsabilità; il legame appagante con il bebé; l'equilibrio della coppia che deve adattarsi alla presenza di un figlio; la difficoltà nell'accettare un nuovo corpo (chili di troppo, seni gonfi, pancia molle...). tutti questi motivi portano spesso la donna a “difendersi” attuando una contrazione involontaria e inconsapevole, della muscolatura perineale con successiva difficoltà alla penetrazione. La paura del dolore, poi, provoca un ulteriore calo del desiderio sessuale per si realizza un circolo vizioso che conduce facilmente all'astinenza sessuale.

Per questo è estremamente importante che il compagno capisca che deve "ri-sedurre" la partner affinchè questa ritrovi il desiderio.