Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, ACRAF S.p.A. utilizza dei cookie. ACRAF S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

L'esperto risponde

Ginecologia

Cos’è il papilloma virus e a cosa serve?

Il Papillomavirus umano (HPV) è un virus responsabile di lesioni in diversi distretti cutanei (verruche cutanee, generalmente su mani e piedi) e mucosali (mucosa labiale, tratto respiratorio e genitale).

In particolare, a livello genitale (perineo, vulva, vagina, collo dell' utero, ano, pene, scroto) l’HPV può causare condilomi (verruche genitali) e tumori maligni. Esistono più di 100 diversi forme dello stesso virus e tra questi i tipi 16 e 18, da soli responsabili rispettivamente di circa il 60% e 10% dei tumori dell'utero.

La maggior parte delle infezioni da Hpv è transitoria, perché il virus viene eliminato dal sistema immunitario di un organismo sano, prima di sviluppare la malattia vera e propria.

 

Per quanto riguarda i papillomavirus ad alto rischio il vaccino, oggi in uso, conferisce un'immunità solo per questi tipi, non abbatte quindi completamente il rischio di contrarre il tumore del collo dell’utero; è dunque sempre raccomandabile sottoporsi regolarmente al pap-test, che ancora oggi è l'esame di riferimento per la prevenzione di questo tipo di tumore.