Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, ACRAF S.p.A. utilizza dei cookie. ACRAF S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Articolo

Come trattare la pelle nell’adolescenza

Con l'arrivo dell'adolescenza (circa 11-13 anni per le ragazze e 13-15 anni per i ragazzi) il fisico raggiunge un fondamentale step di crescita e gli ormoni ne sono i protagonisti…La pubertà rappresenta infatti il periodo di entrata nella fase di sviluppo adolescenziale attraverso la quale il corpo del bambino diventa il corpo di un adulto.
L'attivazione ormonale che caratterizza la fase adolescenziale comporta importanti cambiamenti strutturali generali (che riguardano l'intero organismo) ma anche specifici, come quelli che interessano l'apparato cutaneo.
Il rapido aumento della statura, il cambiamento delle forme corporee, la comparsa dei peli nelle regioni pubiche e nel cavo ascellare, la crescita della barba nel sesso maschile, il cambiamento dell'odore corporeo, l'aumentata secrezione delle ghiandole sudoripare e sebacee sono solo alcuni dei principali cambiamenti che si verificano in questo periodo.
Ecco allora che una corretta routine cosmetologica rappresenta una reale soluzione alle problematiche di accettazione del sé come individuo "sociale".

  • La parola di partenza è "detersione specifica"! Viso, corpo, mani, ascelle, zone intime…La pelle dell'adolescente è ormai matura e si differenzia nelle varie sedi corporee, dunque ad ogni area il suo detergente specifico. È necessario infatti ricordare che una corretta detersione ad hoc per ogni sede anatomica contribuisce in modo considerevole al mantenimento del benessere di ogni distretto corporeo, diverso per fisiologia e necessità. Con la pubertà infatti le cose iniziano a cambiare. È proprio in questo periodo che le ghiandole sudoripare apocrine iniziano a funzionare…e spesso si fanno sentire con la produzione degli odori sgradevoli. L'aumentata e caratteristica produzione di ormoni in età adolescenziale è responsabile del cambiamento dell'odore corporeo che tende ad essere più intenso ed acre. Le ghiandole sudoripare apocrine sono maggiormente concentrate in specifiche sedi corporee: ascelle e genitali sono, come noto le aree più problematiche. In particolar modo bisogna prestare attenzione al cavo ascellare: la neo-comparsa di peli fa delle ascelle un habitat ottimale per la proliferazione batterica; inoltre la peluria è in grado di trattenere maggiori quantità di sudore. Soprattutto per le ragazze eliminare i peli ascellari può contribuire a contrastare l'insorgenza del cattivo odore…ma non basta. Come intervenire? Alla base vige sempre la regola di una buona e corretta igiene personale…ma soprattutto l'uso di deodoranti ed antitraspiranti da scegliere in base alle caratteristiche individuali è un atto irrinunciabile.
  • "Sempre idratare" è la seconda fase. Anche se non fa ancora parte delle abitudini dei ragazzi (sia maschi che femmine), è invece indispensabile sin da questa età iniziare a prestare maggiore attenzione. La pelle, sia del viso che del corpo…dopo la detersione va idratata correttamente con sieri, creme, emulsioni e formulazioni cosmetiche in grado di garantire un corretto livello idratazione, ovvero la giusta presenza di acqua (libera o legata) presente nell'epidermide (lo strato più esterno della pelle). Attenzione a non eccedere con creme troppo consistenti e corpose: la pelle dell'adolescente non ne ha ancora bisogno. Inoltre, soprattutto nei casi di pelle seborroica, prodotti troppo "ricchi" potrebbero incrementare il rischio di comparsa dell'acne, già favorito dall'aumentata attività delle ghiandole sebacee e dai livelli ormonali di questa età.
  • Se compaiono i primi "brufoli" sul viso accade perché è questa l'epoca della cosiddetta "acne giovanile". L'aumento della secrezione sebacea, gli sbalzi ormonali e molti altri fattori contribuiscono in questo periodo alla sua insorgenza. Una buona detersione, l'uso di prodotti specifici (sebo-regolatori, antibatterici, etc…), se necessario le terapie farmacologiche prescritte dal dermatologo, possono risolvere efficacemente il problema. In tutti i casi è buona norma evitare le soluzioni "fai da te" poiché possono peggiorare la situazione.
  • È questa l'epoca dell'educazione alla cura del sé: scegliere accuratamente il prodotto cosmetico in base alle relative esigenze della pelle è fondamentale anche per il futuro. Scegliere sin da ora il cosmetico adatto in base alla propria tipologia cutanea (pelle secca, pelle grassa, pelle sensibile, etc.) significa iniziare a conoscere la propria pelle, di cosa ha effettivamente bisogna e cosa non sopporta, mantenerla bella ed in salute, senza lasciarsi influenzare da falsi miti o inesistenti "cosmetici miracolosi".
  • Mai dimenticare di proteggere la pelle dal sole attraverso l'uso di prodotti specifici (con filtri e schermi ad alto SPF, da scegliere in base al fototipo individuale)! È questa l'epoca della consapevolezza e della sensibilizzazione ai rischi da esposizione UV, e non solo. Sapersi comportare nell'ambiente, all'aria aperta, durante le vacanze o i giochi, è un'azione preventiva molto importante, che può salvare non solo il benessere della pelle, ma anche la vita…

"dalla redazione AIDECO"

aideco_medium