Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, ACRAF S.p.A. utilizza dei cookie. ACRAF S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Articolo

L’igiene intima quando il ciclo non c’è più

Non ci sono soltanto le vampate di calore  e gli sbalzi di umore, in menopausa. Si deve fare maggiore attenzione a irritazioni, arrossamenti e secchezza vaginale. Fondamentale scegliere prodotti intimi sicuri ed efficaci, che rispettino il pH delle mucose.

Durante la menopausa i livelli di estrogeni e di progesterone, gli ormoni femminili, diminuiscono drasticamente. Oltre a causare vampate di calore e sbalzi d'umore, questa carenza è responsabile di pruriti, bruciori, secchezza vaginale e dolore durante i rapporti sessuali associati un maggior rischio di infezioni.

Gli ormoni, infatti, mantengono la mucosa della vagina idratata e protetta. In loro assenza le secrezioni vaginali diminuiscono e la flora di lactobacilli naturalmente presente nella vagina si riduce. Quest'ultimo fenomeno rende il pH neutro, diminuendo le difese naturali contro la crescita di microbi dannosi.

In questa situazione una corretta igiene intima è fondamentale. Per non danneggiare ulteriormente la flora batterica e non promuovere bruciori e irritazioni è bene scegliere un detergente specifico a pH neutro e che non produca troppa schiuma facendo attenzione nel lavaggio a procedere dalla vagina verso l'ano per non favorire la diffusione dei microbi.