Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, ACRAF S.p.A. utilizza dei cookie. ACRAF S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Articolo

Deodoranti mentre allatti? Si, a patto che…

C'è chi dice che è meglio evitare, c'è chi ricorre ai soliti deodoranti senza problemi. L'ideale, se si sceglie questa seconda strada, è scegliere i prodotti più adatti, che non danno fastidio al piccolo e nel contempo vi fanno sentire a posto. A patto che siano delicati, sicuri e clinicamente testati.

L'allattamento al seno non è soltanto il metodo più vantaggioso, completo, naturale ed economico per nutrire il neonato. È un momento di profonda interazione e conoscenza tra mamma e bambino, mediate dal contatto reciproco, dal ritmo cadenzato del battito cardiaco, dal calore e dall'odore della pelle materna.

Per questa ragione, oltre che per la possibile presenza di sostanze che potrebbero disturbare il bambino su altri fronti, molti ritengono che mentre si allatta al seno si dovrebbe evitare di utilizzare deodoranti e profumi.

In realtà, non è necessario che la mamma rinunci tout court al proprio al benessere quotidiano. Per mediare l'esigenza di naturalezza con quella di sentirsi a posto con se stessa ogni giorno, è sufficiente che la mamma scelga un deodorante delicato, privo di additivi potenzialmente  sensibilizzanti, clinicamente testato e caratterizzato da una fragranza che non copra eccessivamente il profumo naturale dell'epidermide.

Una volta individuato il prodotto adeguato è, però, importante evitare di cambiare tipologia o profumazione per non disorientare il bambino e non rischiare che rifiuti di attaccarsi al seno a causa della nuova fragranza, a lui ignota.

Riguardo ai profumi , invece, il discorso cambia: l'ideale, in effetti, è abbandonarli per qualche mese.